USA E GETTA

Devo comportarmi come i turisti che, in questi giorni, sono in Egitto e se ne stanno, tranquilli, sulla spiaggia, “protetti” dai resort, mentre, a pochissima distanza da loro, c’è una strage al giorno ?
Ve lo chiedo perché la “scaletta” degli argomenti, anche per non perdere quella grossa fetta di lettori calciofili, prevede alcune considerazioni sullo sport più seguito in Italia, in virtu’ del fatto che, domani sera, la Juventus si contenderà la Super Coppa Italiana, all’Olimpico di Roma, contro la Lazio….ci provo.

Non si parla di calcio, in queste pagine, dall’ultimo scudetto bianconero e, devo ammettere, che ho seguito con poco interesse il calciomercato estivo: non mi piacciono ne Tevez e nemmeno Llorente. Il primo ha dichiarato che pensava al ritiro ma che, poi, è arrivata la Juve e allora …. (!); lo spagnolo voglio vederlo all’opera perché ho l’impressione che abbiamo acquistato un “Matri spagnolo” di cui, forse, non avevamo bisogno. Mi piace Ogbonna (chissà che direbbe Calderoli) e mi fa piacere che tutti i centrocampisti (tra i più forti del mondo) siano rimasti. Pirlo sembra dare i primi segnali di “calo di fine carriera” ma c’è un Pogba che, ormai, da affidabilità assoluta. Staremo a vedere: si tratta della stessa (ottima) squadra dell’anno scorso con un presunto nuovo attacco (potrebbero, alla fine, giocare di nuovo Vucinic e Giovinco !) e con un rinforzo importante in più in difesa. Tutti hanno un anno in più, vero … specialmente i vari Buffon, Pirlo, Barzagli … insomma tutti quelli che hanno superato i 30 anni da un pò e questo, certamente, un pò inciderà.
Ma andiamo con ordine: pensiamo alla Lazio ed a questa prima, e speriamo non ultima, coppa da alzare al cielo in questa nuova stagione. Non ho sensazioni positive e non mi sto facendo i parafanghi: troppi giocatori importanti sono rientrati da poco e sono, ancora, a corto di preparazione; io, se fossi al posto di Mister Conte, non baderei ai nomi di spicco ma, per questa partita, mi limiterei a schierare gli uomini con una miglior condizione fisica.
Comunque vada, per giocarsi questa finale, serve vincere il campionato o la coppa Italia: noi ci siamo ed, al solito, i prescritti stanno a guardare.

C’è l’ho fatta ! non è stato facile ma ci sono riuscito: tornando a quello che accade vicino a noi e che, visto in televisione, ci sembra lontanissimo, mi chiedo a cosa stia pensando la comunità internazionale, come mai non ci siano interventi forti e decisi da parte dei paese che si occupa di mantenere la pace sul nostro pianeta (gli Usa ?!), perchè il mondo sta permettendo che accada tutto questo nella quasi totale indifferenza generale ? condivido totalmente le motivazioni espresse da Grillo perchè, evidentemente, la crescita democratica di questi Paesi non è gradita a tutti.
Dalla primavera araba all’estate cilena… il salto è breve con la democrazia Usa e getta.

Share Button

4 Commenti

  1. A proposito di calcio. Fino a quando l’ultimo siciliano riuscirà a essere uno sfegatato tifoso di squadre del nord, indipendentemente da quale sia la più forte, non saremo mai un popolo. Anzi, saremo soltanto delle persone di livello inferiore.
    Riflettiamoci.

  2. Se la nostra sicilianita’ ed il nostro senso di appartenza dipendessero dal tifo calcistico staremmo messi bene.
    Mi pare un punto di vista alquanto limitato e, credo, che sia poco su cui riflettere in tema di passione per uno sport.
    Il calcio ha altri problemi ma non certo quello di “snaturare” degli stupidi campanilismi.

  3. ..Compimenti compà..condivido in toto il post..unica annotazione..noi siamo la beneamata..a parte qst..continua così che ti porto alla rai..

  4. Forse è ora che ci poniamo il problema di cosa è la democrazia,le elezioni sono sufficienti per essere considerati democratici, si voto ovunque tranne nei paesi più democratici(Arabia Saudita, Dubai ecc.). Quando vince una coalizione o un partito che in nome di Dio soffoca tutti i diritti dell’individuo è democrazia? Se in Italia avessimo un fratellanza cristiana al potere tutte le leggi civili verrebbero abolite in nome di dio, niente 194 niente divorzio cure forzate per i diversi ecc. saremo in un paese democratico o basta essere governato da gruppi di potere corrotti Mubarack in Egitto, B. in Italia? esempi sono in tutto il mondo. Gli Usa sono democratici votando presidenti che spendono miliardi di dollari in campagna elettorale e impedendo in questo di accedere al potere chiunche non è legato a lobby. Prima di schierarci chiediamoci da che parte stiamo. Io sto con la democrazia di uno vale uno basata su valori dell’individuo e che nessun governante può togliere, un governo che non mi obblighi a credere a ciò che non credo e che non mi dica che possa scegliere come vivere e come morire. Basta con le ipocrisie della finti valori Niente di più falso dell’equazione Partiti+ Elezioni = democrazia
    .

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*