SENZA SCORIE

Il post precedete aveva un titolo che “era tutto un programma”; spesso mi chiedo, dopo aver pubblicato, se chi leggerà coglierà le sottigliezze del mio pensiero e del punto di vista che ne vuole dare il titolo, ma la domanda rimane … senza risposta.

Se “ogni promessa è un debito”, quindi, devo resocontarvi sull’andamento della riunione interprovinciale del moVimento 5 stelle Sicilia di ieri che si è svolta a Ragusa e che comprendeva anche le province di Enna e Caltanissetta.
La registrazione, pressoche’ integrale, dell’assemblea la vedrete a brevissimo online, per il momento vi dovrete “accontentare” di un paio di spezzoni che sono, poi, quelli che riguardano il mio intervento e la mia domanda.

Non immaginate (o forse si ?) quanto mi sia pesato, in questi mesi, non scrivere di uno spinoso argomento che “accompagna” il moVimento siciliano da subito dopo le scorse elezioni regionali. L’ho fatto perché pensavo che, prima o poi, la cosa sarebbe stata risolta e superata.
E’ giusto, per completezza di informazione, postarvi questa furente discussione (vi si apre l’ultima pagina ma vi invito a leggerla tutta andando alla prima) che va avanti, da circa sei mesi, sul nostro meetup regionale e che, se gli date un’occhiata, vi darà l’idea di quello che è stata la richiesta di “pochi attivisti” sul tema delle assunzioni dello staff per i 15 (ora 14) portavoce del moVimento.

Faccio un rapidissimo excursus: sono rientrato da Carini lo scorso primo Settembre 2012 ed, una volta a Caltanissetta, ho ripreso la mia attivita’ col moVimento. Immediatamente, o quasi, ho cominciato a cogliere che c’erano delle discussioni di curtigliu* che parlavano già di elezioni e di staff e, col trascorrere dei mesi, le voci relative a dei nomi ben precisi che sarebbero stati assunti in caso di elezione di nostri deputati, si sono fatte sempre più insistenti.
Poi c’è stata la grande campagna elettorale, alla quale ho partecipato col massimo dell’entusiasmo, e, subito dopo, i quindici portavoce, in perfetto “stile moVimentista” hanno indetto una sorta di “concorso interno tra attivisti” al fine di assumere lo staff necessario agli eletti per svolgere al meglio il proprio lavoro.
Partecipano al concorso, per la graduatoria finale108 attivisti da tutta la Sicilia e, come potete constatare dalla “discussione regionale”, qualcuno cominciava a chiedere notizie già dal 18 Dicembre scorso.
Constaterò, in seguito, che anche in tanti altri meetup siciliani i “malumori di sottobosco” erano ben presenti e le recenti scissioni avvenute in questi giorni sono, oggi, dovute ad altro ma, fidatevi, nascono dal metodo utilizzato dai quindici nel Gennaio scorso sul tema in questione.
Ricordo che, non appena usci la graduatoria, anche sul nostro meetup si aprirono diverse “discussioni” che si chiusero solo quando ci furono date varie rassicurazioni che, più o meno entro Gennaio, avremmo visto tutto online.
Ci si raccomandava di non “mettere fretta ai nostri portavoce” ma ci venivano date rassicurazioni ben precise sul fatto che tutto sarebbe stato online a breve.
Tra l’altro, già ai primi di Dicembre, nel corso della riunione regionale tenutasi a Gela, i quindici portavoce erano stati chierissimi: tutto sarà online !

Le assunzioni sarebbero dovute avvenire sulla base di:
1) attivismo/fiducia
2) Curruculum vitae
3) Disoccupazione.
Di fatto, è bastato dare un’occhiata alla graduatoria, per accorgersi subito che i nomi “chiacchierati” erano stati quasi tutti confermati (i vari “assistenti volontari” di alcuni singoli candidati), i “trombati” (un paio) sono anch’essi inseriti e, chicca finale, i due addetti stampa (uno al servizio dei quindici ed uno a servizio del Vice Presidente Venturino) non sono attivisti. 

Tralascio volutamente il discorso relativo allo staff di Venturino pi un va puittari a camurria** (di cui ho parlato in post precedenti) ma, rimanendo al punto, mi aspettavo, in maniera del tutto naturale, che, da moVimento 5 stelle, la trasparenza sarebbe stata massima ed, ovviamente, tutta la documentazione dei 108 candidati sarebbe stata messa online, a disposizione di tutti, in modo tale da verificare e confermare che gli assunti sono, effettivamente, i migliori e, soprattutto, che non vi erano figure in grado di svolgere il ruolo di addetto stampa tra gli attivisti.

Questo è, facendo un sunto (!), quello che è avvenuto in questi mesi ed, ieri, vi è stata la possibilità, in occasione della riunione interprovinciale, di chiedere lumi ai portavoce presenti.
E’ stato corretto, da persona che ama il moVimento, attendere la sede opportuna e, pazientemente, sei lunghi mesi prima di poter porre una civile osservazione.
Sono partito, quindi, ieri, per Ragusa, insieme ad altri due sognatori, per ascoltare l’interessante relazione dei portavoce presenti e per fare questo intervento che mi sembra, nei toni, nei modi e nei concetti, sia solo ed esclusivamente un intervento costruttivo e che ha l’obiettivo di risolvere e superare il problema:

 

Purtroppo, però, la risposta non mi è sembrata altrettanto volutamente risolutiva.
Ascoltatela qui:


Capirete bene che non era possibile replicare ulteriormente perché il clima poteva degenerare ed anche perché, lo potete sentire chiaramente, ci è stato detto che verrà chiesto il permesso ai 108 per la pubblicazione di tutto il materiale pervenuto.
Qualche piccolo appunto però, mi viene spontaneo farlo online, d’altronde la rete è pur sempre il nostro mondo no ?
Il responsabile dello staff Ars, il portavoce Cappello, dice che il lavoro dello staff è attivismo. Non mi pare sia cosi’: l’attivismo è gratuito, se percepisci uno stipendio è lavoro (ovviamente non se sei eletto alle elezioni).
Mi invita ad andare a Palermo per visionare tutto dal vivo; mi domando: ma in quel caso il consenso alla “privacy” non serve ?
Poi avrete ascoltato anche le parole della portavoce La Rocca che ci parla di “poche persone interessate all’argomento”, ci spiega “a cosa serve lo staff” (???) ed “ammette” che, alla fine, la scelta è stata basata molto sulla fiducia (???).

Io, nonostante tutto, voglio continuare ad attendere fiducioso e sto alle parole del responsabile dello staff Cappello. Sottolineo, perché particolarmente brutto, il gesto di quest’ultimo, che potete vedere alla fine del secondo video, che fa il pollice verso nei confronti di Valeria che filmava la riunione.
Conoscendo Cappello penso sia stato un gesto legato solamente alla tensione del momento… meno male che ero fuori a fumare.

Concludo questo lungo e, spero, non noioso post ribadendo, ancora una volta, la mia personale e continua permanenza nel moVimento nisseno (per ragioni già spiegate in post precedenti inerenti soprattuto il bene per Caltanissetta) perché penso, sinceramente, che un problema, per essere superato, deve essere risolto ed ieri, nonostante le apparenze, era stata data la possibilità per risolverlo ed andare avanti senza scorie. 


*discussioni di cortile
** per non allungare troppo il discorso e tediarvi

 

Share Button

9 Commenti

  1. i curriculum che non contengono in calce l’autorizzazione all’uso dei dati personali, non possono neanche essere accettati. non vi fate prendere per il culo.

  2. i curricula che non contengono in calce l’autorizzazione all’uso dei dati personali, non possono neanche essere accettati. non vi fate prendere per il culo.

  3. ho visto tutti e due i video.
    piccola premessa. dopo le elezioni regionali e nazionali sono entrato in contatto con alcune deputate, una delle quali era la nostra Azzurra. che avevano aperto subito su Fb il profilo ” MI PIACE ” . ho fatto notare a tutte e due che non era il caso. mi sembra un po strano che dei cittadini eletti sotto la spinta di un movimento che vuole portare la politica dentro le case della gente e mettersi al servizio della comunita’ usasse un profilo FB tipo VIP o stars del mondo dello spettacolo. voi direte embè? embè ho visto il video dell’inntervento di angioletto zaffuto pacato quanto deciso e ho visto dei parlamentari un po schifati della critica che viene loro mossa sulla poca trasparenza adottata nell’argomento in questione. poco cittadini e molto onorevoli. non mi sono piaciuti neanche nella replica di cappello. i curricula si mandano per la trasparenza e quinidi non hanno bisogno di nessuna liberatoria sulla privacy, se uno vuole la privacy se ne sta a casa sua e non manda curricula per lavori istituzionali. per sapere che sono stati assunti i migliori devono essere noti i curricula alternativi, altrimenti sono stati assunti gli amici. la dicussione poi volutamente portata sul alvoro dello staff che nessuno contestava tentava di deviare su binario morto il problema posto da angioletto e ripreso da valeria.
    devo concludere amaramente che le regole del movimento sono chiarissime , ma qualcosa va cambiato specie nella selezione dei candidati. come è stato imbarcato Venturino? e come è stato delegato alla vicepresidenza dell’assemblea? qualcodsa non funziona.

  4. Già,”poco cittadini e molto onorevoli”…….piuttosto che schifati dovevano essere onorati della domanda di trasparenza di un cittadino attivista come loro ( visto che gli onorevoli suddetti sono dei portavoce dei cittadini e quindi portatori di questo valore) . Ma perchè invece si agitano tanto e soprattutto, perché non fanno chiarezza??????? ho l’impressione che quando si ha una carica politica si tende a pensare al cittadino come ad un essere idiota che non è in grado di discernere ciò che è giusto e ciò che non lo è e ancora un cittadino incapace di capire se i loro rappresentanti agiscano veramente per il bene della comunità!!!!! meno male che il Movimento 5 stelle istiga alla partecipazione attiva dei cittadini!!!!!!!!! mah!!!!!!

  5. Hai tutta la mia stima e sei stato un grande. Ora vediamo se lo Staff o Beppe interverranno. Io ho i miei dubbi. Nel Movimento va avanti chi usa meglio la lingua, e non per parlare.

  6. Ma dopo tutto quello che hai visto, raccontato e documentato, come puoi pensare di rimanere ancora in quell’esperimento su larga scala di web marketing che è il cosiddetto M5S?

  7. C’era una canzone i cui versi erano : ” La verità ti fa male lo so…” era ” Nessuno mi può giudicare ” della Caselli ( ricorda un attivista ) Caterina…..
    Parole ” grosse ” trasparenza e privacy…di cui tanti portavoce si riempiono la bocca !
    Ma non è che alla fine anzicchè combattere e mandare a cagare la ” Casta ” ne stiamo creando una di più subdola e pericolosa ?
    Credo che occorre riportare i nostri ” Portavoce ” al ruolo per cui sono stati eletti, candidati e supportati…. SEMPLICI PORTAVOCE !!!
    Finiamola di sentirci chi non siamo mai stati !
    Oppure cambiate BANDIERA !!!!!

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*