KILLER MODELLO

Tratto da TGcom:
“Il rom ubriaco che al volante di un furgone uccise 4 ragazzi sui propri motorini ad Appignano del Tronto (Ascoli Piceno) sarebbe divenuto il testimonial di una campagna pubblicitaria per una linea di abbigliamento e accessori. Lo ha rivelato l’on. Gabriella Carlucci. Denunciando l’operazione “di un cinismo spaventoso” la parlamentare ha invitato ad ignorare la campagna di Marco Ahmetovic che rischia di diventare una celebrità.
“Apprendo sconcertata che Marco Ahmetovic, il rom ubriaco al volante che uccise quattro ragazzi, sarebbe divenuto addirittura il testimonial di una campagna pubblicitaria per una linea di abbigliamento e accessori vari. Ebbene, siamo di fronte alla schizofrenia di una società in cui si spettacolarizza ciò che in realtà si dovrebbe condannare” ha affermato la parlamentare.

L’aprile scorso il 22enne di origini Rom alla guida di un furgone in stato di ebrezza, investì ed uccise quattro minorenni che percorrevano la statale sui propri motorini ad Appignano del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno.
“Su questa vicenda, dopo i clamori televisivi, si cerca ancora di speculare utilizzando l’immagine di un assassino per vendere libercoli e capi di abbigliamento. Un’operazione di un cinismo spaventoso – ha proseguito la parlamentare – in cui per commercializzare dei prodotti si è disposti a svendere non solo la propria coscienza, ma anche il senso civico che dovrebbe suggerire rispetto per i parenti delle vittime e per la decisione della giustizia”.
“La giustizia italiana ormai si consuma prevalentemente sui media. In una ridda di gossip e scandali che travolgono colpevoli ed innocenti, e che riducono la libera informazione a puro voyeurismo. La parola d’ordine per reagire a questa disfatta del buonsenso, è a questo punto ‘ignoriamoli!’ Ignoriamo la campagna pubblicitaria di Ahmetovic, altrimenti si rischia il danno e la beffa: il rom diventerebbe una celebrità ed il fatturato dell’azienda, come già accaduto per la campagna sull’anoressia di Nolita, aumenterebbe esponenzialmente”.
La deputata ha annunciato che solleverà per l’ennesima volta questo caso in Parlamento, “sperando – ha concluso – che i miei colleghi ed i ministri interessati non evadano da un chiarimento necessario”.
L’On.Carlucci ha rivelato qualcosa di veramente allucinante. Siamo arrivati al punto che, in nome del “marketing” e del libero mercato si utilizzano anche immagini altamente negative.
Mi viene da pensare: non appena in Romania vedranno le foto del loro connazionale su giornali, manifesti ed i tv penseranno di aver capito, finalmente, come si fa fortuna in Italia. E’ un bell’invito ad emigrare nel nostro paese, ad ubriacarsi, ad ammazzare qualcuno alla guida e poi….. e poi si diventa ricchi e famosi.
Ormai non esiste nemmeno il rispetto delle regole minime di civile convivenza, la strada intrapresa ormai è irreversibile, speriamo che il popolo italiano regga, regga la sua pazienza e reggano i suoi nervi.
Saluti a tutti
Share Button

4 Commenti

  1. Quando vi dico di mandarli a casa questi qua mi tacciate per razzista….
    Ora beccatevi questo, la politica tollerante e dell’accoglienza sta facendo degenerare il nostro paese, privo ormai di qualsiasi valore, infestato da immondizia che sporca le nostre piazze, stupra le nostre donne, rapina i nostri vecchi, uccide i nostri giovani.

    Complimenti a tutti i benpensanti!

    P.s. una provocazione a tutti gli impavidi paladini della politica dell’accoglienza perchè non li ospitate nelle vostre case? Molti di voi vi conosco e scommetto che non ne avete il coraggio …. belli con le parole….. senza coglioni con i fatti….

    Ciao Gianluca

  2. http://federicoaldrovandi.blog.kataweb.it/

    vi posto questo link, anche se non c’entra un cazzo con l’argomento per fare chiarezza su di una vicenda poco chiara, e che non ha ricevuto la necessaria attenzione da parte dei mass media.
    sI tratta di un avvenimento che ha colpito un ragazzo appartenente al centro sociale di Ferrara

    Sensibilizzo soprattutto a Bruschetta che so che è molto caldo su questi argomenti.

    GIUSTIZIA PER FEDERICO.

    VI PREGO LEGGETELO E DIFFONDETE IL LINK

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*