SPERANZA E PROGETTO

Nel mio canale YouTube ci sono decine di video, tra i quali uno che, con l’occasione, ho voluto rivedere e riascoltare. E’ un mio piccolo monologo sul perchè, alle comunali di qualche anno fa, bisognava votare M5S: i primi tre o quattro punti sulle modalità con cui si erano svolte le varie procedure erano reali, le avevo seguite passo passo nella qualità di garante del meetup nisseno, ma ad un certo punto del video inizio anche a sciorinare “come andranno le cose dopo le elezioni” ed infatti sostengo, era il Maggio del 2014, che gli assessori saranno solo “la punta del lavoro delle commissioni“.

Ora, al di la del discutibile italiano parlato nel filmato, che questa previsione fosse totalmente errata me ne accorsi appena un mese dopo quando, passate le elezioni comunali nissene, venne proposto ed approvato il nuovo regolamento interno che, di fatto, escludeva l’assemblea da qualsiasi potere decisionale sull’operato dei due consiglieri eletti… immaginate cosa sarebbe avvenuto in caso di vittoria del candidato sindaco. Nel video, breve ma intenso, cito anche tre temi fondamentali per la città: rifiuti, mobilità e lavori pubblici. Non cito, invece, puttanate fatte poi dalla rappresentanza nissena a 5 stelle in Consiglio Comunale come, per esempio, le fantomatiche “farmacie di quartiere” che, nel loro piccolo, ci danno un’idea precisa di quelle che sono le reali competenze dei “grillini”.

Alla vigilia delle elezioni regionali, quindi, volevo provare a farmi “perdonare” elencandovi alcune ragioni per cui domenica non dovete votare per il partito di Grillo: sicuramente non dovete farlo pensando al “meno peggio”, perchè non è un metodo di scelta sensato e perchè spesso il “meno peggio” è proprio “il peggio”; non dovete votarlo perchè la tanto decantata “onestà” non è prerogativa dei 5stelle bensì di ogni singolo individuo e della sua coscienza, senza considerare i tanti indagati “grillini” in giro per l’Italia; non dovete votarli per i loro slogan, perchè gli slogan in campagna elettorale tali sono  e tali rimangono perchè tra il dire ed il fare c’è sempre di mezzo….la realtà; non dovete votarli perchè non hanno reali competenze ed infatti, a parte Pizzarotti, che è stato “casualmente” fatto fuori, nessuno dei sindaci “grillini” sta operando come aveva previsto in campagna elettorale. Un esempio? Ricordo ancora quello che combinarono gli eletti all’Ars appena arrivati… beh è una storia che conoscete già ma che per i “giovani” di militanza “grillina” è sempre meglio ricordare: è riassunta qui.

Io darò la mia preferenza a Claudio Fava: sono arrivato a questa decisione riflettendoci non poco. Il suo programma ha il giusto equilibrio tra speranza e progetto ed è l’unico, tra i candidati, che garantisce integrità morale, cultura ed onestà intellettuale. Nessuno degli altri candidati ha queste tre caratteristiche fondamentali tutte insieme. I sondaggi dicono che finiremo in mano alla destra, che sia dichiarata o sia a 5stelle cambia poco, sempre di conservatorismo e di scarsa libertà intellettuale si tratta. Non sempre però i sondaggi ci prendono e pare che i siciliani non siano poi così sinceri quando dichiarano in anticipo il proprio voto. Quindi finchè c’è vita c’è speranza… e progetto.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*