SENZA VERGOGNA

Nemmeno il tempo di commentare l’ennesimo “terremoto” giudiziario all’Ars che, a distanza di un giorno, gli imputati vengono liberati a causa di un “errore nella contestazione del reato” ed, anche perchè, per il Gip, sono cessate le esigenze di custodia cautelare. Sto parlando, ovviamente, degli arresti, per “voto di scambio” (o simil), degli attuali Deputati Regionali Nino Dina (Udc) e Roberto Clemente (Pid), insieme all’ex Mineo (Grande Sud) ed all’aspirante Consigliere Comunale Bevilacqua. Una delle “solite” faccende oscure (ma non troppo) della politica siciliana che, ogni tanto, vengono scoperte dalla Magistratura. Come ben sappiamo noi siciliani, però, seppur in maniera più o meno velata, il “voto di scambio” è ancora diffuso nella nostra terra.

Dina, oltre ad essere un Deputato, è anche Presidente della Commissione Bilancio all’Ars e questo rende ancora più grosso lo “scandalo”. Da quello che riporta questo articolo, però, il suddetto deputato “era sospettato di essere mediatore, assieme a Giuseppe Guttadauro, dei rapporti tra Provenzano e la politica regionale” anche quando è stato eletto, nel Dicembre del 2012, Presidente di Commissione (!!). Anche se ero (e sono) una “zecca” di professione, devo ammettere che, all’epoca, non avevo colto il fatto che Dina fosse stato eletto alla Presidenza della Commissione anche coi voti del M5S siciliano, nonostante pare che i “sospetti” sulle sue condotte fossero abbastanza noti ai più.

Ora si può capire che, fino a qualche giorno fa, eravamo in campagna elettorale e che una notizia del genere è una sorta di “manna dal cielo” per rincarare la dose  sventolando le proprie “bandiere”, ma “fare finta di niente” è abbastanza ridicolo. Se Dina ha presieduto, per quasi tre anni, la Commissione Bilancio Regionale (e non il nostro condominio) bisogna “dire grazie” anche ai cinquestelle siciliani che, per strategia politica o meno, lo votarono in maniera abbastanza convinta.

Se io voto per qualcuno e contribuisco a dargli potere su potere, nel momento in cui questi viene arrestato, posso gridare allo scandalo e non accennare minimamente alle mie responsabilità ? In questi casi sarebbe auspicabile ed intellettualmente onesto tacere o, in alternativa, scusarsi per aver contribuito ad eleggere un “impresentabile” dopo, tra l’altro, aver “mangiato per anni porchetta” cantando “Bella ciao”. Senza Vergogna.

INFORMAZIONE IMPORTANTE: tutte le parole dei post che hanno questo colore sono dei link che vi aprono una pagina internet collegata al discorso del post. Basta andarci sopra con il mouse e cliccarci.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*