NAUSEANDO

Prima di scriverne, ho voluto vedere il video de “LeIene” sul caso che coinvolge l’Assessore Miccichè. Effettivamente la figura rimediata dal politico nisseno è veramente misera e, per come pare si sia svolta la vicenda, il tutto sarebbe degno di dimissioni immediate. Mentre su facebook sono nate le prime pagine dedicate, tra le tante reazioni dei politici siciliani, quella che sta facendo più discutere riguarda il “grillino” Cancelleri che si è scagliato contro il concittadino usando termini forti. Anche se i concetti espressi sono in linea di massima condivisibili, credo che un rappresentante politico non debba mai utilizzare questi toni e questo linguaggio. Il post del probabile candidato di Grillo alla presidenza della regione Sicilia è una chiaro tentativo di colpire dritto alla “pancia” dei tanti siciliani sempre affamati di “vendetta” e che, in queste occasioni, scatenato il peggio di loro. L’Onorevole Cancelleri ha scatenato il peggio di se con l’obiettivo di scatenare il peggio di chi solitamente lo legge sui social ma anche la sua reazione, per l’evidente platealità e volgarità, è altrettanto degna di dimissioni immediate. Cancelleri ed i suoi si muovano per aiutare Gianluca ed Alessio, ma senza fraintendimenti: quando dico “si muovano” non parlo di chilometri.

Alcuni giorni fa abbiamo saputo che il “commissario” nisseno del partito di Salvini ha sporto querela per un’aggressione che avrebbe subito da parte di un gruppo di persone che giocavano a palla in piazza Garibaldi. Il racconto del querelante parla di alcuni extracomunitati che lo avrebbero insultato ed aggredito apostrofandolo come “fascista e Lega Nord”, lasciando quasi intendere che il gruppo di ragazzi stranieri lo avrebbe riconosciuto come “uomo di Salvini”. Dal mio punto di vista, il racconto è alquanto inverosimile: penso sia difficile pensare che i ragazzi che giocavano davanti alla chiesa possano averlo riconosciuto e ritengo, invece, molto più probabile che lo stesso sia andato a fotografarli ed a redarguirli. A tal proposito mi piace segnalarvi l’iniziativa di un gruppo di nisseni che hanno organizzato una partitella a palla proprio in piazza Garibaldi a cui è seguita questa lettera aperta dell’amico Toto’ “Castro” che mi sento di sottoscrivere integralmente.

Scrivo nauseando: per i fatti documentati da “LeIene”, per la reazione scomposta e volgare di un “Onorevole” nisseno ed anche per quello che sta montando negli ultimi anni nella mia città dove aspiranti politici si vendono ad un leader nazionale che da una vita offende meridionali e stranieri in genere. Aspiranti politici che cercano solo di sfruttare il diffuso malcontento, ponendo l’attenzione sugli immigrati, come se questi fossero la ragione di ogni nostro problema. E’ chiaramente un falso (non d’autore) che chiunque sia dotato di un minimo di spirito critico capisce ma che, purtroppo, fa molta presa nel mare di ignoranza che ci attanaglia da sempre. Nausea sì, è proprio nausea.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*