MAGGIORENNI E…

Nell’ultimo post, datato 27 Novembre 2020, avevo scritto, un po’ di pancia, sulla morte di Maradona e dopo alcuni giorni è morto un altro grande: Paolo Rossi. Quindi se io fossi Toto’ Schillaci… (che farei?)

Cominciamo ora a prepararci ad un campionato di calcio che potrebbe intasarsi ed interrompersi in qualsiasi momento. Dopo l’assurda sentenza del Collegio di Garanzia che ha stabilito che Juventus-Napoli si dovrà (ri)giocare, qualsiasi squadra che si troverà ad avere dei positivi al Covid in organico, potrà chiedere un parere all’Asl di competenze ed evitarsi la trasferta. La sentenza, piaccia o non piaccia, ha creato un precedente che annulla, di fatto, il protocollo utile per poter disputare il campionato. Quindi chi ha esultato (milanisti, interisti etc.) dovrebbe, in realtà, prendersi a martellate sulle palle visto che, come ha giustamente detto mister Pirlo, le loro squadre (insieme a tutte le altre) sono state prese in giro per mesi ed hanno giocato (così come la Juventus) senza importanti titolari positivi al Coronavirus. Campionato falsato? Di più: campionato ridicolo.

D’altronde davvero eravate seriamente convinti (e rassegnati) che avremmo vinto lo scudetto… per sempre? Tutto sommato, se la media è nove scudetti a noi e uno al Milan, mi sta più che bene. La nostra è chiaramente una stagione di transizione, per scelta evidente della società. Questo non toglie che qualcosa si può anche vincere, ma non toglie nemmeno che, a mio modesto avviso, Agnelli dovrebbe anche rinnovare le cariche societarie e liberarsi una volta per tutte di Paratici, secondo me incapace di assolvere al suo ruolo in una squadra di prim’ordine come la Juve.

Venendo a cose meno futili (ma non meno utili), volevo dire la mia anche in merito alle misure natalizie anti-covid. Se viene progettata e realizzata una “zona rossa” nazionale intanto la devi fare senza interruzioni: dal 24 Dicembre al 6 Gennaio. Così com’è lascia, ovviamente, “vie di fuga” per ogni genere di spostamento. Inoltre se si parla di lockdwn, deve essere lockdown. Il fatto di aver permesso di andare a trovare un parente, un amico o un fidanzato, di fatto, annulla tutto. Ho visto nella mia città, in questi giorni, decine di automobili, file alle pasticcerie e quant’altro non dovremmo vedere con una pandemia in corso. Chiunque, però, una volta intercettato dalle forze dell’ordine, poteva addurre come motivazione una qualsiasi visita ad amici o parenti, senza essere sanzionato (!!).

Intanto c’è grande rumore mediatico per i primi vaccini. C’è da dire che gli scienziati più prudenti sostengono che per un vaccino valido occorrono dai quattro ai sei anni di studi e che, quindi, non sarebbe poi così sicuro vaccinarsi. Ma penso anche che, essendoci degli istituti di controllo, è probabile (speriamo) che essendo il Covid-19 un virus simil-influenzale, si sia partiti da una base scientifica che ci ha fatto risparmiare del tempo. Me lo auguro anche perchè ho intenzione di vaccinarmi appena sarà possibile.

Voglio concludere con una massima, credo mia personale: “chi si nutre di cattiveria e malvagità, prima o poi dovrà digerirle“. Volevo quindi fare gli auguri di Buon 2021 a tutti i lettori e non, a tutti quelli che mi vogliono bene e, vedi massima, anche a quelli che mi vogliono male. Buon anno!

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*