LE COMICHE FINALI ?

Il titolo di questo post richiama una vecchia frase di Gianfranco Fini in occasione dell’annuncio della nascita del Pdl. Nel nostro caso c’è un dovuto punto interrogativo perchè la frase è vera (forse) a metà: siamo sicuramente alle comiche, non è certo se siano quelle finali o quelle iniziali.

Nemmeno il tempo di ricapitolare i fatti e sottolineare alcune assurdità affermate dal deputato regionale nisseno sul “caso-Gela” che, quasi contemporaneamente, i due principali protagonisti di questa ridicola vicenda sono tornati a parlare. Uno, Messinese, rispondendo direttamente, annunciando ricorso contro la sua espulsione e lanciando un’accusa molto grave: la sua estromissione sarebbe legata all’allontanamento di tre Assessori “vicini” a Cancelleri (!!!).

Una delle motivazioni principali che, a detta dell’Onorevole Cancelleri, hanno portato all’estromissione di Messinese è stata la mancata riduzione dello stipendio da parte del Sindaco: in tal senso fa specie leggere che, qualche mese fa, proprio uno dei tre Assessori che sarebbero “vicini” al deputato nisseno aveva spiegato pubblicamente le ragioni per cui non era possibile effettuare alcuna riduzione. Siamo, appunto, alle comiche.

Come vi dicevo, però, anche il deputato nisseno è tornato a scrivere: in una “supercazzola ottimista”, un pò in stile Ruvolo, partendo da lontano parla di tutto e di niente e definisce i ridicoli ed imbarazzanti fatti di queste settimane che hanno coinvolto il M5S (non solo a Gela, ma anche a Quarto, passando per Ragusa e per Livorno) “piccole beghe di provincia”. Catalogare dei fallimenti politici (avvenuti o prossimi) come “piccole beghe” è un chiaro segnale che il deputato in questione è in difficoltà perchè, ogni giorno che passa, è sempre più dentro la fallimentare vicenda di Gela e questa “voglia di spiegare bene” fa trapelare un atteggiamento difensivo anche su fatti dove lo stesso non è accusato direttamente. E’ chiaro (ed ovvio) che Cancelleri sente la responsabilità politica di quanto è successo a Gela e cerca, da politico ormai navigato, di spostare l’attenzione e girare il tutto trasformando gli evidenti problemi dei “cinquestelle” in biechi attacchi della stampa a servizio del potere (come il famoso “servo del potere” FattoQuotidiano !?!).

Va be che Grillo nasce comico ma non credo sia molto contento di come stiano andando le cose in questi comuni, anche perchè per i suoi spettacoli si paga il biglietto mentre i suoi sottoposti sembrano voler far ridere gratuitamente tutti noi. Sono le comiche finali o siamo solo all’inizio ?

INFORMAZIONE IMPORTANTE: tutte le parole dei post che hanno questo colore sono dei link che vi aprono una pagina internet collegata al discorso del post. Basta andarci sopra con il mouse e cliccarci.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*