LA STORIA SI RIPETE

Vorrei salutare il 2018 analizzando alcuni dati, di qualche settimana fa, del Centro Studi Investimenti Sociali, più noto come Censis. Nel rapporto sulla situazione sociale del Paese per l’anno 2018 il Censis scrive:
Giunto alla 52ª edizione, il Rapporto Censis interpreta i più significativi fenomeni socio-economici del Paese nella fase di attesa di cambiamento e di deludente ripresa che stiamo attraversando. Le Considerazioni generali introducono il Rapporto descrivendo la transizione da un’economia dei sistemi a un ecosistema degli attori individuali, verso un appiattimento della società. Nella seconda parte, La società italiana al 2018, vengono affrontati i temi di maggiore interesse emersi nel corso dell’anno: le radici sociali di un sovranismo psichico, prima ancora che politico…” 

Sovranismo psichico, appiattimento della società. Se le parole hanno un peso, secondo il Censis, siamo un popolo di ignoranti con un principio di seminfermità mentale. I dati ufficiali sono allarmanti ma, personalmente, non mi sorprendono: il 63 per cento degli italiani vede in modo negativo l’immigrazione da Paesi non comunitari, il resto delle percentuali, che trovate qui , sono da brividi.

E’ il Paese che vediamo ogni giorno: con ministri razzisti che piacciono agli italiani, con stadi dove il negro della squadra avversaria è cattivo mentre il proprio è buono, dove si muore perchè ci si diverte con lo spray urticante e si picchiano i barboni per strada.

E’ un Paese, l’Italia, incattivito ed impaurito e sinceramente non vedo un 2019 meglio dell’anno che si chiude. Si va nella direzione opposta rispetto a quella che sarebbe la naturale evoluzione di un uomo pensante, evoluto e che conosce la propria storia, quella storia che dovrebbe insegnarci tanto ma che invece si ignora ormai clamorosamente.

Quindi gli auguri sono d’obbligo, ci mancherebbe… ma voglio augurarvi un 2019 di umanità. Un 2019 semplicemente più umano, nella speranza di andare avanti e di voltarsi indietro solo per prendere i buoni insegnamenti della storia.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*