LA FAVA E I DUE PICCIONI

E’ assolutamente vero, come dice e scrive qualcuno, che in un modo o nell’altro bisognava trovare un accordo per nominare i nuovi presidenti di Camera e Senato quindi, volendo utilizzare un vecchio termine molto caro ai “grillini”, non si è trattato di “inciucio”. Salvini ha voluto ribadire, ancora una volta, che dentro la coalizione di centro destra comanda lui, Berlusconi pare si sia accodato alle decisioni del giovane leader leghista ed i cinquestelle? I detentori dell’onestà (senza se e senza ma) si sono ritrovati a votare, come seconda carica dello Stato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. La nuova presidentessa che succede a Grasso e una distinta signora di 72 anni che ha aderito fin dalla prima ora a Forza Italia ed è nota anche per essersi interessata ad alcune procedure giudiziarie di Berlusconi. La sua lunga carriera è segnata dalla costante presenza al fianco di Berlusconi e sono note anche le sue posizioni contro le unioni civili e l’aborto ed a favore della riapertura delle case chiuse. Nel 2005 ha assunto la figlia a capo della sua segreteria e, considerando il curriculum, credo che l’ultima vicenda sia stata decisiva per avvicinarla ai “grillini”.

Chi, nel partito di Grillo, ha avuto l’idea di proporre Fico come presidente della Camera? Non lo so, ma chiunque sia stato ha preso due piccioni con una fava. Da una parte ha ottenuto quello che, visti i risultati del 4 Marzo, era abbastanza ovvio, ovvero la presidenza di una delle due camere; dall’altra ha reso Fico assolutamente innocuo. Il deputato napoletano, infatti, aveva esternato forti perplessità verso Di Maio ed i suoi metodi ed era il leader della cosidetta “ala ortodossa”. Rappresentando, da ieri, la terza carica dello Stato e dovendo essere assolutamente super partes in parlamento, il buon Fico si ritroverà automaticamente depotenziato della possibilità di “fare politica” all’interno del M5S; in questo modo non potrà disturbare in nessuna maniera le decisioni di Grillo, Di Maio, Casaleggio & C. Ottima mossa.

L’ultima parte del post, come spesso capita, voglio dedicarla ad un argomento un po’ più soft, ovvero dell’annunciata ospitata di Giuliano Sangiorgi a Caltanissetta di domani, martedì 27 Marzo. Il cantante dei Negramaro sarà presente ma pare che non sia prevista alcuna esibizione canora. Nonostante questo, il Teatro Margherita si annuncia sold out anche grazie al biglietto gratuito. Personalmente, quando ho sentito la notizia, ho provato al stessa enfasi che mi assale tutte le volte che ascolto un discorso di Mattarella, ma a Caltanissetta basta veramente poco per creare un po’ d’entusiasmo.

Un triste saluto finale a Fabrizio Frizzi: persona gentile, garbata, dolce e simpatica. Faceva parte di una tipologia di personaggi molto rara nella televisione italiana ed è proprio per questo che la sua mancanza si sentirà ancora di più.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*