IL SIGNOR BUGANI (E QUELLI COME LUI)

Chiunque viene in una piazza a parlare è il benvenuto, anche se non si condivide nessuna delle sue idee. Le realtà antagoniste già stanno minacciando atti violenti per l’8 novembre attraverso volantini di una stupidità imbarazzante. Questo significherà fare un enorme regalo a Salvini”. (Massimo Bugani – Capogruppo M5S Bologna in Consiglio Comunale).

Chiunque viene in una piazza a lanciare slogan razzisti, a parlare di ruspe per i campi rom, a proporre di sparare ai barconi di immigrati e si sospetti sia anche “un tantino” omofobo sarà, evidentemente, il benvenuto a casa del Signor Bugani (e di quelli come lui).

Salvini è un rappresentante politico che, per anni, ha ricoperto di insulti i meridionali (salvo poi ricredersi per ragioni squisitamente elettorali) ed il Signor Bugani, anche se è di Bologna, dovrebbe ricordarselo.

Inoltre dovrebbe anche sapere che, in Italia, esiste ancora la libertà di espressione e di critica e, aggiungo io, questa è maggiormente giustificata quando si ha di fronte un leader politico chiaramente xenofobo.

Almeno fino a quando qualcuno dei suoi, a Roma, non modificherà la Costituzione in “Non-Costituzione” ed eliminerà il diritto di espressione, il Signor Bugani (e quelli come lui) dovrà rassegnarsi al fatto di poter subire delle critiche.

L’abitudine è una brutta bestia: il Signor Bugani (e quelli come lui), evidentemente, pensa che quello che accade nel suo partito sia identico a quello che accade nella vita di tutti i giorni. All’interno del partito di Grillo, infatti, il diritto di critica è assolutamente assente, esistono solo “grillini allineati al 100%” e stop.  Nella vita reale di un Paese che ha ancora dei diritti sanciti da una Costituzione, invece, non funziona come nel partito a 5 stelle e si può criticare e contestare gentaglia come Salvini (e quelli come lui).

INFORMAZIONE IMPORTANTE: tutte le parole dei post che hanno questo colore sono dei link che vi aprono una pagina internet collegata al discorso del post. Basta andarci sopra con il mouse e cliccarci.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*