IGNORANZA ED INTOLLERANZA

E dire che la giornata era iniziata bene, c’era il sole ed avevo riposato benissimo. Poi, andando a fare la spesa, ho avuto un brutto e “pericoloso” incontro al  supermercato, dove ho incontrato una “gentile signora” che raccoglieva delle firme contro l’apertura di un nuovo centro di accoglienza per extracomunitari a Caltanissetta.  Ho capito, da qualche parola, che era stata al convegno, organizzato da “Caltanissetta Protagonista”,  dove aveva ascoltato Flavio Tosi, appena ieri pomeriggio. “Una destra alternativa alla destra” … ma che cazzo vuol dire ? vedo strategie “pseudo ideologiche” a destra ed a sinistra, col moltiplicarsi di alternative a Renzi che finiranno, logicamente, per aprire una prateria di consenso elettorale all’attuale Presidente del Consiglio. Tosi, per esempio, accusa Salvini di voler portare la Lega troppo a destra (!!!); siamo alla “satira pura”: su una cosa così è anche impossibile pensare ad una battuta. Ma parliamo dello stesso Flavio Tosi o è un clamoroso caso di omonimia ?

L’attuale Sindaco di Verona ha avuto, da sempre, posizioni parecchio estreme e, dettaglio non da poco, è stato condannato da un Tribunale proprio per le sue idee razziste. Insomma: se Tosi rappresenta la “sinistra” o la “moderazione” della Lega, capite bene che non può certamente essere questa l’alternativa al nulla di Renzi. Eppure ho la sensazione, per l’aria che si respira anche nella mia stessa città, che sta prendendo piede, in maniera decisa, una forte “voglia di intolleranza” accompagnata da quella “guerra tra poveri” che gente come Tosi e Salvini cercano, in tutti i modi, di fomentare. Ieri pomeriggio, prima che si svolgesse l’incontro col Sindaco di Verona, c’è stato un giro di sms e telefonate per richiamare i nisseni a firmare contro questa fantomatica apertura di un nuovo centro in città, con la “sorpresa” dell’incontro con Tosi e Giarratana. Un “giochino” di bassa lega, scusate il gioco di parole, che, spero, abbia avuto uno scarso effetto.

Nel frattempo, dopo appena otto mesi dal suo insediamento, l’amministrazione Ruvolo continua, a detta delle opposizioni, a far perdere soldi e finanziamenti alla città. Dopo le 40.000 euro perse per la mancata predisposizione del “Piano per l’energia sostenibile”, ora si parla di una somma ben più cospicua: intorno alle 200.000 euro. Soldi da utilizzare per l’abbattimento delle polveri sottili ma, come si legge in varie note di partiti e movimenti, l’amministrazione, anche stavolta, non avrebbe predisposto tutto il necessario. Dimenticanza ? ignoranza ? … Personalmente ho sempre criticato, politicamente, Ruvolo per la sua eccessiva moderazione, ma pensavo (e speravo) che, almeno, le competenze e l’attenzione per le cose basilari che servono alla città ci fossero. Francamente sono abbastanza preoccupato: già stiamo come stiamo, se a questo aggiungiamo le “costose disattenzioni” di Ruvolo e dei suoi, non faremo molta strada e sarà sempre più facile aprire la strada all’ignoranza ed all’intolleranza.

 

INFORMAZIONE IMPORTANTE: tutte le parole dei post che hanno questo colore sono dei link che vi aprono una pagina internet collegata al discorso del post. Basta andarci sopra con il mouse e cliccarci.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*