FALSE VERITA’

Ho ancora i dolori alle mascelle per le troppe risate di ieri sera. Non esagero ma, nel corso dello spettacolo dei Tafano Broders, sono dovuto scappare per il bagno dalle troppe risate, ma ne è valsa la pena. Esilaranti, divertenti ed in grandissima forma. Mi auguro replichino al più presto perchè il successo di pubblico è stato esagerato. 

Fatta questa dovuta premessa, stamani volevo parlavi di due argomenti che hanno un punto in comune: la verità. 
Il primo riguarda le le dichiarazioni shock del Ministro Saccomanni che, senza mezzi termini, ha detto che bisogna dire agli italiani come stanno, in realtà, i nostri conti pubblici e che, quindi, è inevitabile che l’Iva debba essere aumentata.
Il Ministro ha pisciato fuori dalla tazza ? che significa che “gli italiani devono sapere la verità” ? quindi tutti i Ministri dell’economia degli ultimi anni non ci hanno detto la verità ?
Mi sa tanto che il fallimento del nostro Paese è già avvenuto: solo che se lo dice Grillo si dice del solito ex comico che parla alla pancia degli italiani, mentre se lo dice il Ministro dell’economia allora viene preso sul serio.
Il Ministro farà marcia indietro ? secondo me ormai non può più farlo e, se non gli tappano la bocca in qualche modo, dovrà essere lui, in prima persona, a spiegare agli italiani la verità sui conti pubblici.

Sempre in tema col post di oggi, sapete che sono sempre in prima fila quando c’è da lodare il difficilissimo lavoro che svolgono i rappresentanti eletti nel moVimento, sia a Roma sia a Palermo; ma sapete anche che, quando c’è da “bacchettare”, non mi tiro certo indietro solo perchè sono “di parte”.
Ieri, quando ho visto questo post sulla bacheca di Giulia Sarti sono rimasto basito: è vero che si tratta di una “protesta estrema” che ha le sue ragioni di fondo ma ritengo assolutamente sbagliato evidenziare e fare proprie le parole di una persona che, seppur nelle giusta considerazione della situazione che vive, fa delle affermazioni a dir poco “discutibili”.
Sara’ pure una provocazione, come lascia intendere lo stesso Grillo in questo post che, stamani, attacca l’Huffington Post, ma anche le provocazioni devono avere un senso.
Io penso che questo sia stato un autogol e che, per il futuro, sarebbe meglio riflettere meglio prima di lanciare questo genere di provocazioni; intanto trovo assurdo che si istighi, sempre citando le parole di un imprenditore in difficoltà, all’evasione fiscale ed, in secondo luogo, trovo ridicolo che si riporti anche un’informazione totalmente infondata secondo la quale “i clandestini in Italia prendono 36 euro al giorno”; è chiaramente una notizia senza alcun fondamento e penso che riportare questo genere di informazioni non faccia altro che alimentare una guerra tra poveri che, ovviamente, non porta a nulla; se poi questo viene fatto, appunto, anche attraverto un’informazione non corretta è ancora peggio.
Il costo pro capite degli stranieri che vengono “ospitati” nei nostri centri è di circa 40 euro al giorno ma si tratta della “spesa” necessaria per dare un pasto, un tetto ed un letto a chi chiede asilo in Italia.
Non vengono dati soldi ai clandestini e, senza falsa ironia, farei provare al Sig. Corsi (protagonista della citazione) cosa si vive per venire in Italia: dalla probabile morte in mare fino ai tanti problemi di varia natura che si riscontrano in Italia grazie alla legge “Bossi-Fini” (che firme !). Solo dopo vorrei chiedergli se vuole ancora “scambiarsi” coi “fortunati” clandestini che raggiungono in nostro Paese.

Facciamo attenzione ragazzi ! tutti ! Grillo il primo che ha dato spazio a questa non notizia molto distante dalla verità di cui, giustamente, ci vantiamo di essere gli unici rappresentanti nel panorama politico italiano.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*