DIVERSI

Pubblicazione fuori programma, ieri, nella  pagina facebook del blog, dove una foto con didascalia ha provocato molte più polemiche di quanto io pensassi; da questo punto di vista… obiettivo raggiunto.

In realtà, mettendo da parte lo scherzo, l’obiettivo reale era quello di informare più persone possibili di quello che era avvenuto ed, in particolare, per esporre quello che si può considerare un “esempio prototipo” delle strategie “terroristiche” che, giorno dopo giorno, puntano a modificare, fuorviare, cambiare completamente il senso di ogni parola e di ogni battaglia che il moVimento mette in atto.
Dalla definizione di Grillo, dedicata alla Boldrini, di “oggetto d’arredamento” si è passati, rapidamente, ad “oggetto” e, di conseguenza, a “donna oggetto”: quindi Grillo “diventa” sessista ed, automaticamente, lo diventano gli otto milioni di grillini che lo hanno votato alle ultime elezioni politiche.
Questo, miei cari lettori, è quello che avviene in maniera sistematica, precisa e chirurgica per ogni atto, comportamento o singola parola di Grillo; qualsiasi cosa viene rigirata e riproposta secondo uno schema previsto: mettere in cattiva luce l’unica forza presente in parlamento che non è scesa a patti col sistema.
Condivido, quindi, questo post al 100 %: la presidente non può ergersi a rappresentante del sesso femminile, nessuno glie lo ha chiesto e, soprattutto, moltissime donne non si identificano in lei; pensi, piuttosto, a migliorare il modo scandaloso in cui svolge la sua funziona alla Camera.

Oggi, però, non voglio tediarvi troppo, quindi passo a segnalarvi gli appuntamenti che mi stanno a cuore: nel pomeriggio, alle 18,00, il primo appuntamento col corso di informatica della Libera Pluriversità Nissena.
Domani sera, invece, a partire dalle 21,00, vi invito a non perdervi lo spettacolo dei Tafano Broders che, immagino, sarà più esilarante del solito: “Calmanissetta” offre tantissimi spunti per piangere ma anche per ridere scherzare anche grazie ai nostri politici locali che sono spesso l’obiettivo preferito dei Tafano.
Spero che il duo comico non se la prenda per la citazione in un post con questo titolo e che colga, invece, la parte positiva della parola.
Vi saluto ricordandovi che, a breve, si festeggerà il sesto compleanno del blog che, stavolta, potrebbe riservare qualche sorpresa non scritta. Non vi distraete … troppo.

Share Button

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*